Top posts

Mercoledì di Cake Party con Francesca

Cosa c'è di meglio che un pasto con gli amici e, magari, cucinare assieme?
Cosa c’è di meglio che un pasto con gli amici e, magari, cucinare assieme?

Francesca, la nostra esperta di mise en place e bon vivre ci prende per mano e ci porta a fare un viaggio molto interessante…

“Raffinata, profumatissima, speziata e delicata al tempo stesso: la cucina marocchina e mediorientale in genere è da anni apprezzata anche nel nostro Paese, e sono molti gli italiani che amano cimentarsi con cous-cous e taboulé. Compagna indispensabile di questi esperimenti culinari è la tajine, da noi spesso chiamata anche couscoussiera; si tratta di una pentola-piatto da portata di terracotta smaltata, sormontata da un inconfondibile coperchio conico che facilita il ricircolo dei vapori di condensa e mantiene i piatti caldi e ben umidi. Questa particolare pentola condivide il nome con le pietanze che tradizionalmente vi si preparano, gustosi umidi di carne come mqualli (pollo, limone e olive), kefta (polpette e pomodori) o mrouzia (agnello con prugne e mandorle). In una tavola apparecchiata in stile marocchino, quindi, la tajine non potrà mancare: nei diffusi negozi arabi se ne trovano di tutti colori e di tutte le misure, e sono davvero bellissime.

Gentilmente concesso da www.internazionale.it
Gentilmente concesso da www.internazionale.it

Non si può rinunciare nemmeno a una bella teiera o caraffa di tè verde, aromatizzato alla menta e zuccheratissimo, da servire nei bicchierini di vetro colorato e decorato tipici della tradizione mediorientale – anche questi si trovano agevolmente nei bazar. La cultura marocchina e araba in genere non prevede l’uso di forchette perché ci si serve direttamente dal piatto comune usando le prime tre dita della mano (che sarà stata scrupolosamente lavata, come anche i piedi e il viso, per ben tre volte prima di mettersi a tavola), ma se volete fare una concessione alle abitudini europee scegliete posate classiche, magari dal servizio della nonna, piuttosto che moderni acciai di design, che mal si accorderebbero con lo stile ricco e decorato di questa tavola. Una bella tovaglia anche in colori profondi, come il verde smeraldo o petrolio o il bluette, farà risaltare i vetri policromi e gli smalti delle ceramiche, che possono essere anche diverse e che conterranno verdure e salse per condire il cous-cous e le carni in umido.”

Francesca Dodici.

 

Related Images:

Commenti su Facebook

Commenti su Facebook

Powered by Facebook Comments